Archives for aprile, 2012

Sosteniamo la protesta degli studenti e delle studentesse dell’I.P.I.A

  • aprile 29, 2012 12:52

Gli studenti e le studentesse dell’I.P.I.A. di Colleferro  ( Km. 1.200 Via Palianese, Colleferro )  hanno deciso di organizzare un’assemblea pubblica per spiegare a tutti e tutte coloro che parteciperanno i disagi e il non senso di essere costretti a studiare davanti una discarica.

Chiedono l’appoggio delle altre scuole e delle cittadinanze dei paesi limitrofi (Colleferro, Paliano, Anagni, Valmontone…).
Sperano in un’ampia partecipazione per poter far sentire con decisione la propria voce.
Ieri mattina, all’assemblea d’istituto, si è deciso di basarci sul numero che raggiungeremo quel giorno per decidere cosa fare oltre all’assemblea pubblica.
Portiamogli il nostro appoggio e la nostra solidarietà. Siete tutt* invitat*!
MERCOLEDI’ 2 MAGGIO 2012 ORE 9:30
Assemblea Pubblica davanti l’istituto I.P.I.A. (DAVANTI LA DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA)
http://www.eccolanotiziaquotidiana.it/colleferro-una-trentina-di-ragazzi-dell%E2%80%99ipia-ricoverati-per-un%E2%80%99intossicazione-causata-dalla-puzza-di-colle-fagiolara/

Sostieni la Ciclofficina

  • aprile 2, 2012 21:04


Dopo nove mesi di attività è arrivato il momento di tirare le somme…

La Ciclofficina è stata in questi mesi un punto di incontro per tante persone: bambini e bambine, giovani e meno giovani, abitanti del quartiere o semplicemente persone che cercavano un rifugio dalla opprimente monotonia della nostra città. Tutto a conferma di un problema che, purtroppo, è più che evidente: la mancanza di spazi aperti e di socialità, punti di incontro e di luoghi in cui esprimere le proprie idee e i propri punti di vista.

Abbiamo cercato di valorizzare gli spazi adiacenti piantando alcune piante e sistemando una compostiera, di cui vorremmo fare un uso collettivo.

Inoltre siamo riusciti a trasformare una decina di carcasse in biciclette funzionanti, che tutt’ora sono utilizzate da chi si è avvicinato a noi e ce ne ha fatto richiesta!

Il tutto senza alcuno scopo di lucro, anzi: visto che i nostri ‘clienti’ sono stati in grande maggioranza bambini, abbiamo ricevuto pochissime sottoscrizioni.

Ma non è per i soldi che lo facciamo! Il nostro interesse è cambiare la nostra città, fare in modo che le persone si rendano conto che è modificando i nostri stili di vita che si può sperare in un qualsivoglia miglioramento. Stimolare l’utilizzo della bici, il riciclo e il riuso di rottami, la riduzione della produzione di rifiuti e costruire una coscienza critica che permetta a tutte e tutti di intervenire dal basso per cambiare ciò che non ci piace: questi sono i nostri obiettivi.

C’è solo un problema. Siamo a corto di pezzi per ricostruire ‘nuove’ biciclette e non possiamo soddisfare le richieste in attesa!

Ciò che chiediamo è di sostenerci portandoci pezzi di bici e biciclette che non utilizzate più: non importa in che condizioni siano, qualsiasi rottame può ricominciare a camminare!